Cronaca Locale

Ripensare…il Parco Robinson

Chi guarda al Parco, in maniera monocromatica, non riuscirà sicuramente a captare le mille sfumature che ha da offrire

Nel corso degl’anni si sono avvicendate numerose e infruttuose discussioni  su uno dei parchi cittadini più belli della Calabria e forse d’Italia; il Parco Robinson di Rende. All’epoca, quando fu ideato e realizzato, si dimostrò un’eccezionale novità; le generazioni rendesi di ogni età, potevano riscoprire l’autentico profumo e la bellezza degl’ambienti naturali,  proprio all’interno della città.

Purtroppo come ogni cosa bella, se eccessivamente trascurata,  si deturpa diventando degradata e brutta; non è nostra intenzione addentrarci nel fosco  dibattito politico a riguardo, vorremmo semplicemente soffermarci su alcune possibili soluzioni, che potrebbero consentirne una rivalorizzazione, ma soprattutto una chiave di lettura al passo coi tempi.

Keukenhof, Lisse (Paesi Bassi)

Chi guarda al parco, in maniera monocromatica, non riuscirà sicuramente a captare le mille sfumature che ha da offrire; sulla struttura dovrebbe essere applicata una lettura interdisciplinare, rendendolo in questo modo adatto ad offrire una pluralità di servizi.

La bellezza del parco sta sicuramente nella sua architettura naturale, ma il suo vasto perimetro permette senz’altro di predisporre all’interno dell’ambiente  anche diverse strutture sportive di ogni genere, che potrebbero richiamare l’interesse di moltissimi giovani e non solo: campi di calcio, basket, volley, rugby,  skate Park, abbinate a spazi ricreativi, di relax e per tutti degli amanti dei animali, si potrebbe adibire una zona ad hoc su modello dei parchi europei o americani; potrebbe inoltre, essere utile ripristinare finalmente un piccolo e degno parco giochi per bambini, dotandole di apposite strutture inclusive per i bimbi diversamente abili. In alcune zone potrebbero essere ideati dei percorsi culturali ricreando una sorta di museo all’aperto;  cornice perfetta se utilizzata per rappresentazioni , storiche , ecologiche, artistiche e cosi via.

Ripensare il parco Robinson  è dunque saper ricreare un percorso integrativo e multidisciplinare, che sappia aggregare e coinvolgere, rispolverando l’antico splendore del parco e adattandolo ai nuovi interessi sociali; l’obiettivo  primario è quello di riconsegnare finalmente  il parco alla comunità.

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *