Cronaca Locale

RENDE: PRONTI PER IL MALTEMPO?

ALLARME MALTEMPO? RENDESI PREOCCUPATI

Che il maltempo sia divenuto uno delle maggiori preoccupazioni dei cittadini rendesi ormai è cosa nota; ogni qualvolta un temporale colpisce la città, la situazione diviene subito allarmante e pericolosa per i cittadini.  Già lo scorso anno abbiamo constatato come la città sia assolutamente impreparata ad affrontare le stagioni più rigide, manca una vera e propria strategia di contenimento, che possa salvaguardare le zone più a rischio, permettendo ai cittadini di svolgere la loro quotidianità in sicurezza, senza doversi preoccupare di allagamenti o di cadute di alberi pericolanti.

I cambiamenti climatici in atto necessitano di nuove forme di risposta all’emergenze e ai pericoli incombenti. Nuove strutture di pianificazione e di gestione delle aree urbane sono necessarie per mettere in sicurezza i cittadini e ridurre gli impatti sui quartieri e sulle infrastrutture dei centri urbani. Secondo gli esperti dell’IPCC, infatti, saranno proprio le aree urbane a pagare i costi sociali maggiori del global warming in particolare nell’area del Mediterraneo.

Un attento studio delle zone urbane a maggior rischio è allora molto utile per pianificare e ottimizzare gli interventi durante le emergenze, dirigendo l’assistenza, oltre che per realizzare interventi di adattamento che reintroducano alberi e prati al posto di superfici asfaltate, favorendo il naturale deflusso delle acque nella falda rivestendo i tetti con vegetazione o materiali riflettenti, e non abbattendo gl’alberi barbaramente, senza cognizione di causa tra l’altro, una nuova “moda”, segno  distintivo degl’ultimi anni amministrativi della città.

L’adattamento al clima è la vera sfida del nostro tempo; per vincerla, dobbiamo rendere le nostre città più resilienti e sicure, cogliendo l’opportunità di farle diventare anche più belle, più ecologiche ma soprattutto più vivibili.

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *