Politica Locale

Rende: Il Commercio che si Innova. Ecco le proposte dei partecipanti al webinar

Interessante e ricco di proposte produttive per il territorio il webinar organizzato dall’associazione Innova Rende; un incontro appassionante e coinvolgente che ha l’obiettivo di coinvolgere la comunità rendese rendendola protagonista dello sviluppo della città. Nessun tecnico o presunto professorone della politica, solo i cittadini, individualità parte della società civile, i veri interpreti del cambiamento in città.

Ecco una breve sintesi delle proposte discusse durante il webinar. A introdurre Francesco Adamo di Innova Rende: “come Innova Rende vogliamo offrire una prospettiva in vista della ripartenza. Nella nostra città esiste, ad esempio, la possibilità di supportare gli operatori commerciali attraverso l’utilizzo condiviso degli spazi pubblici.  Per questo proponiamo, la creazione di un Consorzio del commercio rendese la tutela del diritto di prossimità garantendo gli spazi a chi si trova nei pressi dell’area pubblica. In questo modo valorizzeremmo il territorio ed eviteremmo forme di diseguaglianza tra chi può aprire all’aperto e chi invece non possiede i cosiddetti dehors”.

A seguire gli interventi della titolare della pizzeria Madre aggiustata di sale e pepe Flora Bruni:come operatori vogliamo che Rende sia più appetibile anche per chi non è del comprensorio. L’installazione di strutture esterne mobili potrebbe aiutare a “svecchiare” la nostra città”

Paolo Sammarco titolare del Le True : “molte attività rendesi come la nostra non possiedono spazi all’aperto. La realizzazione di un consorzio con altre realtà può essere una soluzione: lo abbiamo già sperimentato a Cosenza, può essere replicato anche a Rende con il sostegno dello Stato e del Comune“.

Andrea De Francesco del Molto music pub: “Rende possiede tanti parchi pubblici. Si potrebbe concedere questi spazi non solo ai ristoratori ma anche alle palestre che sono state chiuse per tantissimo tempo. La nostra città diventerebbe così attrattiva anche per le attività commerciali che operano fuori dal territorio rendese”.

Gianpaolo De Paola titolare del Gizmo: : “l’idea che mi piace di più è la creazione di un Food Market di Rende, ovvero un’area individuata dal Comune gestita insieme da tutti i ristoratori con un unico punto di somministrazione”.

Antonio Lonigro del Patuscino l’officina : “Rende ha un’occasione storica per valorizzare per i propri parchi e spazi pubblici. Altre realtà non hanno il nostro patrimonio. Dobbiamo però garantire la sicurezza di tutti, rafforzando la vigilanza attiva del territorio”.

Poi la voce dei referenti istituzionali, Giorgia Sabato di Confapi giovani Calabria: “una proposta interessante per l’amministrazione comunale potrebbe essere rendere Via Rossini zona pedonale per il periodo estivo”.

Domenico Lo Duca Confcommercio Cosenza:le nostre imprese stanno dimostrando di avere le idee e la forza per andare avanti. Come organizzazione di rappresentanza abbiamo il dovere di portare avanti le loro proposte”.

E l’assessore alle attività produttive e al commercio Domenico Ziccarelli:l’amministrazione comunale condivide le proposte emerse questa sera. Con il sindaco abbiamo in mente, ad esempio, di rendere i nostri parchi delle postazioni di somministrazione alimentare fisse. Questo può diventare il primo incontro di un tavolo permanente sulla ripartenza del commercio rendese. Da domani iniziamo a lavorare insieme per dare a tutti i ristoratori la possibilità di avere spazi all’aperto”.

 

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *