Politica Locale

Rende, Cuzzocrea propone delle misure a sostegno di bar, ristoranti, pizzerie e pub

Egregio Sindaco Avv. Marcello MANNA, siamo vicini al 4 maggio, data in cui scatterà l’attuazione della FASE 2 dell’emergenza coronavirus, con l’applicazione delle relative regole che la task force, nominata dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri, sta mettendo a punto. Una delle più salde ed importanti di queste misure riguarda il distanziamento sociale e l’utilizzo di mascherine. I nostri Commercianti ed in particolare le attività di Gelaterie, Bar, Pizzerie, Pub, Ristoranti, Wine bar ed altre similari, in conseguenza dell’attuazione delle direttive e delle misure di contenimento, si troveranno costretti al ridimensionamento dei posti a sedere e degli spazi utilizzabili all’interno dei locali, con ulteriori perdite di clienti, redditualità e perdita di posti di lavoro, già di per se compromesse dai postumi dell’emergenza. Considerato quanto sopra esplicitato, ascoltati anche alcuni operatori e considerato l’avvicinarsi della stagione estiva, emerge in maniera forte l’esigenza di studiare ed attuare misure che possano consentire alle attività sopra specificate ed afferenti all’economia di prossimità, di poter fruire di maggiori e più estesi spazi esterni, aumentando il numero dei tavoli e posti a sedere. Penso sia impensabile ed inattuabile poter gestire tali attività, solo con i tavoli con interposti vetri in plexiglas e quindi con la disponibilità di un terzo dei coperti, con costi fissi invariati o addirittura incrementati, in conseguenza delle misure di sicurezza da attuare.

Da qui la mia proposta, di concedere ai richiedenti, ove applicabile, ulteriore occupazione di suolo pubblico, a titolo gratuito od al massimo, nel rispetto delle normative attuabili, fissando un canone meramente simbolico. Siamo tutti consapevoli che l’impatto dell’emergenza covid-19 sulle attività di questo e tanti altri settori sta generando effetti devastanti. Facendo riferimento ai dati nazionali, l’economia di prossimità rappresenta il 30% del prodotto interno lordo del Paese e il lockdown comporterà un danno economico di oltre 8 miliardi di euro per l’intero comparto.

Per questo motivo ritengo giusto e doveroso che vengano pensati ed attivati tutti gli strumenti utili affinchè queste importanti attività ed altre possano essere aiutate a riprendere il loro lavoro, alleviando perlomeno il danno generato dall’applicazione delle misure di contenimento.

Per altro, Lei Sindaco, oltre a poter attuare questa mia proposta a livello Comunale, facendo parte dell’ANCI Calabria,  potrebbe, anzi a mio parere dovrebbe, farsi promotore affinchè la stessa possa essere attuata in tutti gli altri comuni e magari venga strutturata a livello nazionale ed inglobata nei  provvedimenti economici di sostegno,  che il Governo è pronto ad emanare per la Fase 2, per consentire la ripartenza del Paese.

Rende, li 25/04/2020

IL CONSIGLIERE PROVINCIALE

ANDREA CUZZOCREA

 

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *