2 min di lettura

Libera Lettera: “In quella che una volta era la bella cittadina di Rende, oramai, non ci sorprende più nulla. Non ci meravigliamo se un assessore comunale, dal facile grilletto, spari a due cani perché colpevoli di aver travalicato i confini territoriali, ferendone uno per fortuna non gravemente; non ci sorprende che una figura “istituzionale”  possa essere promulgatore di comportamenti al limite della legalità, atteggiamenti diseducativi che trascendono da ogni principio civico e morale.”

Ci teniamo però a precisare che in questa nostra breve disamina non lanceremo sentenze  e non colpevolizzeremo nessuno, non è nostra competenza,  ne tantomeno giudicheremo la persona in sé, non ne abbiamo il diritto e sinceramente neanche l’ardire(tanto costui  si commenta da sé); ci limiteremo, insieme ai nostri lettori a valutare se questo tipo di comportamento si addice  al ruolo istituzionale che costui riveste, un incarico doveroso verso i cittadini con un autentico  impegno a prodigare moralità e rispetto del convivere civico.

Secondo il racconto dei  tre testimoni presenti, i due cani avrebbero travalicato il confine territoriale entrando nella proprietà dell’assessore, quest’ultimo dopo aver intimato i cani ad andarsene avrebbe dapprima sparato alcuni colpi in aria e successivamente sparato a terra in direzioni dei due cani colpendone uno. Forse l’assessore ha stranamente dimenticato l’estrema  pericolosità di un proiettile vagante e fortunatamente non è successo il peggio, ma la facilità con cui ricorre all’uso delle armi, questa sua strana propensione non è sicuramente un segnale rassicurante in una società che progressivamente diviene sempre più violenta, specie se chi compie l’atto dovrebbe essere un esempio pedagogico per le future generazioni.  A sua discolpa l’assessore asserisce che i cani potevano mettere in pericolo la vita dei suoi cari.

Allora mi chiedo, il “Tribunale degl’animali” appena istituito a Rende, cosa ne pensa dell’atteggiamento dell’assessore, come giudicherà tale atteggiamento violento contro un animale domestico?

Onestamente non ci aspettiamo granché da questa farlocca amministrazione, in ogni caso per discernere la verità, ci sono le registrazioni video della telecamera di sorveglianza che certamente potrà fornire più dettagli sulla vicenda.

C’è solo un problema….  L’assessore non vuole consegnarle.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi un commento!
Per favore inserisci qua il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.