Il simbolo di Innova Rende
2 min di lettura

La gestione del Next Generation EU sarà una grande occasione per la Politica a tutti i livelli: nazionale, regionale e comunale.

La ricostruzione post Covid del Paese è una sfida da intraprendere con razionalità, lungimiranza e attenzione alle categorie più fragili, in particolare giovani, donne e disoccupati. Uno dei grandi temi da affrontare, soprattutto alle nostre latitudini, insieme alla questione infrastrutturale relativa ai trasporti (leggasi alta velocità), sarà quello del potenziamento dei settori dell’istruzione, della ricerca e innovazione, nell’ottica di una collaborazione virtuosa e di lungo respiro con il mondo del lavoro e dell’imprenditoria.
La nostra Regione ha estremo bisogno di investimenti corposi in questo settore, il tasso di analfabeti funzionali è uno dei più alti del Paese, le strutture formative, spesso sono vecchie, poco accoglienti e attrezzate, la diffusione della banda larga stenta a decollare e la fuga dei cervelli è da anni una grave piaga per il tessuto economico calabrese. La nascita del corso di laurea Magistrale in “Medicina e Ingegneria” interateneo, tra Unical e Unicz, è un primo importante segnale verso la collaborazione fattiva tra centri di ricerca applicata ed esigenze del tessuto economico e sociale, che fa da apripista all’auspicata localizzazione del nuovo ospedale Hub della provincia di Cosenza nei pressi dell’Unical. Una best practice alla quale la politica calabrese, locale e regionale, dovrebbe guardare con attenzione, in vista degli investimenti del Next Generation EU che nei prossimi mesi dovranno risollevare l’Italia.
Per decenni la strategia dei finanziamento a pioggia e il conseguente sperpero delle risorse statali ed europee ha tarpato le ali alla già precaria economia calabrese. Con i Recovery Fund bisogna invertire la rotta, ora è il momento di una visione che guardi al futuro favorendo quei settori strategici per la nostra economia, i quali vanno potenziati ed innovati, stimolando la transizione ecologica e digitale per le realtà imprenditoriali disposte a cogliere questa grande opportunità che abbiamo davanti. La Calabria ha grandi potenzialità inespresse in importanti settori economici, quali l’agricoltura e l’enogastromia, l’economia green, il turismo e il marketing territoriale. Senza dimenticare l’enorme gap da colmare con il resto d’Italia per quanto riguarda il settore sanitario carente sia a livello infrastrutturale che di capitale umano.
Saranno questi gli asset su cui puntare maggiormente, ponendo le basi per la formazione di figure professionali in grado di rispondere alla domanda del mondo economico e sociale calabrese, nell’ottica di un’innovazione di processo e di prodotto che stimoli la creazione di nuovi posti di lavoro, aumenti il potere d’acquisto delle famiglie, riduca drasticamente l’esodo dei giovani dalla Regione e riporti alla normalità una terra che non può più permettersi di perdere altro tempo.
Innova Rende

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi un commento!
Per favore inserisci qua il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.