PoliticaCronaca Locale

Parte l’iniziativa: ”Pianta un albero per ogni buca di Rende”

Greta Thunberg sarebbe fiera di noi se conoscesse l’iniziativa green che stiamo per lanciare nella ridente cittadina di Rende.

In realtà cerchiamo di offrire alla comunità una soluzione immediata, considerando che da troppo tempo la gravità di tale problematica, è trattata con indifferenza e banale sufficienza.

Il dissesto stradale a Rende è divenuto davvero insostenibile, abbiamo contabilizzato più di un centinaio di buche in città, alcune delle quale stanno progressivamente diventando dei veri e propri crateri; esistono due soluzioni in merito: o si attende l’ agire speculativo dell’assessore al ramo, che da più di 10 anni monopolizza il settore dedito alla “colata di cemento”,  oppure si può optare per una soluzione più green, direi quasi ecosostenibile.

L’iniziativa si chiama: “Pianta un albero per ogni buca di Rende”, ovviamente la dimensione dell’arbusto sarà proporzionata all’estensione delle voragini, in modo che si possano sviluppare diverse varietà botaniche. Per quanto paradossale e ironica possa sembrare tale iniziativa, in realtà nasconde non solo un lato ecologico, ma pure una sorta di romanticismo. Effettivamente molti cittadini si sono affezionati a queste buche, evitarle è divenuta una piacevole routine e non vederle più lì, vuote nelle loro profondità sarebbe un brutto colpo.

Perciò l’iniziativa “Pianta un albero per ogni buca di Rende” assume così anche un valore identificativo, i cittadini che ogni giorno si dedicano allo slalom stradale, avranno una buona motivazione per scansarle, in più porteranno sempre nella memoria il vissuto quotidiano in compagnia delle inseparabili voragini.

Ovviamente a tale iniziativa sono invitati tutti i consiglieri, in modo particolare i membri della Giunta e il nostro Sindaco, chissà se ci concederà l’onore di accompagnarci in questa esperienza, magari confidandoci qual è la sua voragine preferita.

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

More in:Politica

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *