Meritocrazia Italia: si può e si deve evitare la crisi sociale
PoliticaPolitica Locale

Meritocrazia Italia: si può e si deve evitare la crisi sociale

L’ultimo decreto del Presidente del Consiglio pone un freno alle c.dd. attività sociali non essenziali e, diriflesso, riporta una forte stretta all’esercizio di molte realtà commerciali.Tra quelle maggiormente interessate vi sono le ristorazione, il cinema, i teatri e le palestre, mentre solo unaforte raccomandazione è riservata alla limitazione della circolazione con mezzi di trasporto pubblici e privati.

L’ulteriore richiesta di sacrificio ad una popolazione spaventata e disorientata, provata dalla crisi economica esociale in corso, accresce il disagio e procura un’insoddisfazione che ha già trovato espressione in aggressiverimostranze di piazza.La fiducia che alleviava i timori durante il lockdown d’inizio anno è stata assorbita dagli affanni economici dichi, prima ancora di riuscire ad ammortizzare le perdite subite tra febbraio e giugno e le spese sostenute perl’adeguamento a misure di contenimento imposte e ormai superate, è costretto ad un nuovo arresto. A ciò si aggiunga l’incomprensibilità di scelte che penalizzano interi settori, senza spiegarne le ragioni a frontedi condotte esattamente specchiate in altri comparti che invece sono rimasti non attinti dai divieti del DPCM.Il tutto condito da una classificazione di “non essenzialità” finanche della cultura, proprio in un Paese comel’italia.

La politica assistenzialista, fatta di promesse di sostegno finanziario e non accompagnata da un fattivoimpegno nella prevenzione e nel recupero sanitario e da seria programmazione, non fa più presa e non bastaa contenere ansia e frustrazione. Meritocrazia Italia torna a ribadire l’importanza di scongiurare un nuovo indiscriminato lockdown, purtropponei fatti già avviato, ed insiste nel sostenere che, al fine di garantire a un tempo la sicurezza sanitaria pubblicae la tenuta economica del Paese, sia fondamentale muovere nell’opposta direzione della estensione degliorari di apertura di esercizi commerciali, centri sportivi e luoghi di cultura e aggregazione, sia pureassicurando maggior rigore nel rispetto dei protocolli di sicurezza. Per altro verso, è certo che l’aggravarsi della situazione pandemica, nella seconda ondata di contagi, imponganuovi interventi ed è per questo che Meritocrazia riafferma l’opportunità di dare attuazione alle tanteproposte già avanzate con i precedenti comunicati e, nella ferma convinzione che l’equilibrio sociale passi perla parità di attenzione riservata a tutte le categorie in debolezza senza ingenue distinzioni tra attività‘essenziali’ e ‘non essenziali’, reputa inoltre fondamentale:

a)- investire in un serio piano di gestione della crisi sanitaria e di prevenzione, con i) immediato recuperodelle strutture totalmente o parzialmente dismesse; ii) potenziamento della dotazione organica (assunzionedel personale specializzato attualmente in lista di attesa, secondo le linee tecniche del comunicato del 24ottobre, e, per le attività di pulizia e accessorie, il supporto dei percettori del reddito di cittadinanza); iii)organizzazione di tavoli di concertazione con le cliniche private, che, in supporto al sistema sanitario pubblico,possano svolgere attività di primo soccorso e screening di malattie no Covid; iv) miglioramento delle linee ditracciamento sanitario, anche con potenziamento dei sistemi di assistenza domiciliare; v) estensionedell’orario di reperibilità dei medici di base, ai quali affidare anche l’assistenza nell’effettuazione di test di rilevazione rapida; vi) rafforzamento dei presidi di assistenza psicologica presso ospedali e altri istituti di cura abeneficio di medici e pazienti;

b)- rivedere le modalità di accesso all’indennità di disoccupazione NASPI con riguardo ai lavoratori stagionali, che,allo stato, postula il versamento di almeno tredici settimane di contributi durante i quattro anni precedenti l’iniziodella disoccupazione (con esclusione dei periodi coperti da contribuzione figurativa per cassa integrazionestraordinaria e ordinaria a zero ore, e permessi fruiti dal lavoratore per assistere un familiare);

c)- estendere il credito d’impostadel 60% sui canoni di locazione a tutte le imprese operanti nel settore delturismo, della ristorazione, dello sport e della cultura;

d)- interrompere l’erogazione dei c.dd. bonus vacanza, con recupero delle somme non utilizzate e destinazione alsostegno al comparto turistico e della ristorazione;

e)- prevedere sgravi fiscali e contributivi per i datori di lavoro che assumeranno per il 2021 i dipendenti oggi inCassa integrazione;

f)- sospendere il pagamento delle tasse regionali per i settori più colpiti con congelamento dei debiti bancari e/ofinanziari, prevedendo un ristoro sulla base della riduzione effettiva delle entrate;

g)- intervenire a supporto dei professionisti dotati di Partita Iva, con i) sospensione dei pagamenti alle Casse diappartenenza e del calcolo degli interessi, ii) riduzione della metà per i contributi minimi per l’intero anno 2020; iii)apertura al dialogo con ABI per il congelamento delle posizioni debitorie ovvero una moratoria sulle rate difinanziamenti e prestiti, sempre con sospensione del calcolo degli interessi; iv) Istituire un Fondo di Garanzia per gliautonomi con contribuzione mista a carico del settore pubblico e privato;

h)- assicurare la libertà di circolazione migliorando le misure di sicurezza sanitaria pubblica, affinando la strategiadi indirizzo, vigilanza e controllo nel settore aereoportuale e ferroviario;

i)- destinare tutte le indennità di funzione della p.a. connesse all’espletamento di attività non eseguite per lo smartworking al finanziamento di un fondo nazionale vincolato da destinare al comparto del privato in difficoltà e dautilizzare per misure di immediato intervento di supporto economico.

l)- disporre l’immediato pagamento di tutti i debiti da parte dello Stato e delle PA in favore dei privati creditori, anche mediante la previsione di meccanismi di compensazione immediati e cedibili, impedendo la possibilità dichiedere il fallimento di aziende che abbiano crediti importanti verso la pubblica amministrazione;

m)- Cancellazione totale delle informazioni sulle pregiudiziali di pagamento da tutti gli archivi bancari sotto ilmonitoraggio e la responsabilità della Banca d’Italia per i soggetti più colpiti dei settori in difficoltàSono soltanto alcuni degli interventi necessari, che vanno ad aggiungersi a quanto già proposto nei precedenticomunicati dei giorni scorsi, con attenzioni diversificate per tipo d’esigenza ma senza discriminazione percomparto produttivo o settore d’attività. Perchè il problema di uno è il problema di tutti.

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

More in:Politica

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *