1 min di lettura

Dopo la presentazione del ‘Progetto Italia’ e del ‘nuovo Progetto Italia’, Meritocrazia prosegue nell’opera di costruzione e dà continuità, dettaglio e arricchimento alle prime proposte avanzando il proprio Piano Nazionale di Resilienza.

Sollecita una più ampia riforma di sistema, calibrata sul contenimento delle principali criticità nei settori della produzione e delle relazioni sociali, auspicando la massima collaborazione tra i poteri pubblici e la migliore interpretazione del valore della certezza del diritto, come tempestività e valutabilità di una crescita economica attenta alla sostenibilità e alla giustizia sociale. Il Piano prevede, tra l’altro, una sostanziale revisione del sistema della fiscalità; nuove e più inclusive politiche del lavoro; ragionevoli percorsi di digitalizzazione dei servizi; la valorizzazione delle risorse artistiche e culturali, con promozione del Made in Italy e riaffermazione del ‘sistema Paese’ sul mercato internazionale; più moderne prospettive di crescita del settore agricolo e agroalimentare; una completa ristrutturazione del SSN; una rivoluzione della composizione della Magistratura e del più ampio sistema della Giustizia; modelli formativi adeguati alle istanze del multiculturalismo, dell’internazionalizzazione e delle istanze provenienti da un mercato del lavoro completamente rinnovato; meccanismi di rilancio delle imprese; prospettive transizione ecologica e di supporto alle fragilità.

Roma, lì 16 febbraio 2021

Meritocrazia Italia

Il Presidente Walter Mauriello

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi un commento!
Per favore inserisci qua il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.