Cultura e Società

La raccolta differenziata: un atto di civiltà

Fare la raccolta differenziata è sempre un nobile atto di civiltà che interessa tutta la comunità

Imparare a convivere e a gestire ciò che rimane dopo avere soddisfatto i nostri bisogni quotidiani è un dovere da perseguire perché “atto di civiltà” e pratica necessaria al fine di meglio affrontare e godere del nostro futuro.

Il riciclaggio di quelli che comunemente consideriamo “rifiuti quotidiani” si può attuare soltanto con una raccolta differenziata cioè separandone accuratamente i diversi tipi perché possano essere avviati agli opportuni trattamenti.

I rifiuti umidi, come gli scarti di cucina possono essere usati per produttore compost, un fertilizzante ottimale per l’agricoltura. Oppure, fermentando in appositi contenitori, possono essere trasformati in biogas, usato per il riscaldimento o per  la produzione di energia elettrica.

Le bottiglie di plastica vengono fuse, il prodotto ottenuto è riutilizzato per fabbricare nuove bottiglie. Ciò che si ottiene dalla fusione degli imballaggi di plastica è pressato in mattonelle, che servono per pavimentare viali e giardini o per costruire panchine.

Anche il vetro e il metallo delle lattine sono fusi e riutilizzati.

La carta e il cartone sono riciclati in altra carta: “ Con 7 scatole di biscotti si fa un quotidiano, con 4 confezioni di pasta un quaderno” afferma il Consorzio per il riciclo degli imballaggi di cellulosa.

I medicinali scaduti e le pile scariche sono considerati rifiuti pericolosi perché contengono sostanze tossiche. Perciò devono essere depositati negli appositi contenitori e non gettati via insieme al resto della spazzatura.

Dividere i rifiuti in pacchetti separati per depositarli in contenitori diversi ed eliminare correttamente i rifiuti pericolosi sono azioni che richiedono un modesto sacrificio. Con un po’ di attenzione si riducono gli sprechi, si recupera energia e si rispetta l’ambiente diminuendo l’inquinamento.

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *