La Galleria nazionale di Cosenza e Mattia Preti: “Il Cavaliere calabrese” (di Chiara Gagliardi)
Cultura e Società

La Galleria nazionale di Cosenza e Mattia Preti: “Il Cavaliere calabrese” (di Chiara Gagliardi)

A cura di Chiara Gagliardi

Cosenza, la città tra mare e montagna, la città della movida e dello shopping ma è solo questo? Certamente no, Cosenza è una città nella quale si respira la storia e la cultura del nostro paese e oggi ne andremo a scoprire un pezzetto.

Nell’ antico Palazzo Arnone, maestoso edificio cinquecentesco, sul colle Triglio, è ubicata la Galleria nazionale di Cosenza. La Galleria ospita vari artisti dal Cinquecento al Novecento, sono esposte opere di pittori nati in Calabria come Pietro Negroni, Marco Cardisco, Francesco Cozza e soprattutto Mattia Preti, di artisti napoletani che in qualche modo hanno influenzato la pittura locale, ma anche opere di Umberto Boccioni e Giorgio de Chirico, artisti fondamentali rispettivamente per lo sviluppo del futurismo e della pittura metafisica.  Ma oggi voglio soffermarmi proprio su di lui, su Mattia Preti, il nostro artista nato a Taverna il 25 febbraio 1613, esponente del barocco italiano e del caravaggismo.

Grazie alla famiglia, proveniente dalla piccola nobiltà locale, riuscì a viaggiare molto. Fu a Roma dal 1630 dove poté frequentare l’accademia di San Luca e studiare Caravaggio, poi a Venezia dove ebbe la possibilità di conoscere Tiziano, Tintoretto e Paolo Veronese, viaggiò in Francia, in Spagna, si spostò poi a Napoli fino a quando, nel 1659 si fermò a Malta divenendo il pittore ufficiale dei cavalieri di Malta. Mattia fu un artista dalle molte sfaccettature, riusciva ad unire nelle sue opere diversi stili creandone così uno tutto suo. Sono tantissime le sue opere, tra cui gli Affreschi nella basilica di Sant’Andrea della Valle (Roma), gli affreschi per la chiesa di San Domenico Soriano (Napoli), la Madonna di Costantinopoli per la chiesa di Sant’Agostino degli Scalzi di Napoli e ovviamente la decorazione della volta della chiesa di San Giovanni a La Valletta (Malta).

Le sue opere oggi possono essere ammirate non solo alla Galleria nazionale ma in tantissimi luoghi in Italia. Ecco a voi alcuni posti dove è possibile scoprire il nostro artista, non vi resta che partire.

BASILICA CATERINIANA DI SAN DOMENICO (SIENA)

BASILICA DI SAN DOMENICO MAGGIORE (NAPOLI)

BASILICA DI SANT’ANDREA DELLA VALLE (ROMA)

CHIESA DI SAN BARTOLOMEO (RAGUSA)

GALLERIA D’ARTE ANTICA DI PALAZZO CORSINI (ROMA)

GALLERIA DEGLI UFFIZI (FIRENZE)

GALLERIA DELL’ ACCADEMIA DI NAPOLI (NAPOLI)

GALLERIA NAZIONALE DI ARTE ANTICA DI PALAZZO BARBERINI (ROMA)

GALLERIA NAZIONALE DI COSENZA (COSENZA)

GALLERIA REGIONALE DELLA SICILIA PALAZZO ABATELLIS

(PALERMO)

GALLERIA SPADA (ROMA)

GALLERIE DELL’ACCADEMIA (VENEZIA)

MARCA – MUSEO DELLE ARTI CATANZARO (CATANZARO)

MUSEI CAPITOLINI (ROMA)

MUSEO CIVICO DI TAVERNA (CATANZARO)

MUSEO DI CASTEL NUOVO (NAPOLI)

MUSEO DI PALAZZO ROSSO (GENOVA)

MUSEO IL CORREGGIO (REGGIO EMILIA)

MUSEO NAZIONALE D’ARTE MEDIEVALE E MODERNA (MATERA)

MUSEO NAZIONALE DI CAPODIMONTE (NAPOLI)

MUSEO REGIONALE INTERDISCIPLINARE DI MESSINA (MESSINA)

PALAZZO REALE DI NAPOLI (NAPOLI)

PINACOTECA DI BRERA (MILANO)

PINACOTECA DI REGGIO CALABRIA (REGGIO CALABRIA)

PINACOTECA DI VILLA ZITO (PALERMO)

PINACOTECA NAZIONALE DI BOLOGNA (BOLOGNA)

PINACOTECA ZELANTEA (CATANIA)

QUADRERIA DEL PIO MONTE DELLA MISERICORDIA (NAPOLI)

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *