2 min di lettura

Il Rugby italiano si appresta a ripartire in tutte le sue sfaccettature, campionati annessi, in virtù della pubblicazione del nuovo protocollo FIR, redatto dalla Federazione Italiana Rugby in coerenza con le vigenti disposizioni e pubblicato a inizio settimana con l’autorizzazione dell’Ufficio per lo Sport della Presidenza del Consiglio dei Ministri. Un ulteriore stimolo, questo, per i biancorossi della palla ovale, tornati in campo già il 31 agosto, dopo la breve parentesi estiva, con tutte le categorie dal minirugby ai seniores (5-42 anni), distanziati e rispettosi delle limitazioni imposte dall’emergenza epidemiologica da COVID-19, ma sempre fiduciosi in un futuro ricco di mete e sorrisi.

Questa stessa fiducia anima Tecnici, Dirigenti, atleti e famiglie portando il Rugby Rende ad essere una fra le poche Società del centro-sud in piena attività già dall’ultimo scampolo di estate, con tanti progetti in cantiere e la brama di recuperare il tempo che il lockdown ha sottratto al divertimento. Con questo spirito sono iniziate, con ottima affluenza, le sessioni di allenamento guidate da Coach G. Bacci per Under 16, Under 18 e Seniores, in attesa di scoprire quali saranno gli avversari da dover affrontare nel prossimo campionato in partenza il 15 novembre 2020.

Alle compagini più giovani, guidate invece dai Tecnici-Educatori G. Grillo, L. Brogno e S. Cannataro, sono dedicati i pomeriggi del campo “Mazzuca” e tutta una serie di manifestazioni ed eventi sportivi, organizzati in collaborazione con CSAIn Calabria e FIBa -Federazione Italiana Badminton, ideati per incitare i ragazzi a condurre una vita più sana e lontana dai rischi della sedentarietà, favorendo al contempo la socializzazione e tutte le espressioni educative del Gioco in senso lato: nell’ambito della promozione sportiva, venerdì 18 settembre, a partire dalle ore 10.00, i piccoli atleti scopriranno l’AirBadminton, la versione outdoor del volano sviluppata per godere a pieno degli spazi all’aria aperta.

L’attitudine alla didattica del Rugby Rende ha da sempre favorito le relazioni con il mondo della Scuola, di cui il Club calabrese è con orgoglio un interlocutore privilegiato: anche in quest’anno scolastico ricco di incertezze la Società biancorossa non ha fatto mancare il proprio sostegno agli Istituti Scolastici del territorio, offrendo, in accordo con il MIUR e con il Ministero della Salute e dello Sport, la disponibilità del proprio impianto sportivo per lo svolgimento delle attività sportive scolastiche in orario curricolare. L’attenzione verso il settore juniores non si esaurisce qui: il 20 e il 27 settembre torneranno le domeniche degli OPEN DAY BIANCOROSSI, il Rugby Rende spalancherà infatti le porte del “Tonino Mazzuca” per accogliere ragazze e ragazzi desiderosi di provare gratuitamente lo sport della palla ovale, mentre si lavora già per allestire tornei di Touch Rugby per neofiti e veterani e la IV edizione del Torneo Città di Rende – “Renato Pezzano”,
simbolico incipit di ogni stagione biancorossa.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi un commento!
Per favore inserisci qua il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.