Politica LocaleCronaca LocalePolitica

Il comune di Rende procede allo sgombero del Parco Acquatico

“Il comune di Rende, questa mattina, ha notificato all’amministratore della società “Parco Acquatico” il provvedimento di risoluzione anticipata del contratto ed ha provveduto ad effettuare l’immissione in possesso della struttura.”

Questo quanto si legge in un post pubblicato dalla pagina Facebook del comune.

La determinazione dirigenziale n. 282 del 15/07/2020 che ha per oggetto la concessione del “Parco Acquatico sportivo Santa Chiara” ha evidenziato come “le modalità di gestione della struttura pubblica e gli adempimenti rilevati comportino il venir meno dei requisiti di affidabilità e di buona conduzione del servizio, nonché di adeguatezza nella gestione degli interessi pubblici sottesi alla concessione, comportando la necessità di rientrare nel possesso del bene comunale al fine di evitare maggiore pregiudizio dell’interesse pubblico.

Inoltre, il settore tecnico manutentivo dell’ente pubblico dispone “l’immediata consegna delle chiavi, della documentazione tecnica-amministrativa e dei beni oggetto della decaduta concessione alla notifica del presente atto, nonché la presa in possesso dei beni di che trattasi e l’adozione dei necessari provvedimenti al fine di garantire la gestione del Parco Acquativo-Sportivo in loc. Santa Chiara.

Con la determinazione, la dirigenza, attua la risoluzione anticipata della concessione.

Dopo lo scandalo politico che si è abbattuto sulla struttura pubblica, l’ente fa marcia indietro e riprende il possesso del Parco Acquatico, in vista, si spera, di una soluzione adatta alla struttura.

 

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *