Tradizioni e Paesaggi

I carciofi: tra mito e salute

 

Esiste una leggenda della mitologia classica che vede nel carciofo l’incarnazione di una ninfa, la bellissima Cynara, dal carattere orgoglioso e volubile ma buona d’animo e con un cuore tenero.

La fanciulla dal corpo snello e sensuale, aveva i capelli color biondo cenere e gli occhi verdi con rare sfumature viola. L’onnipotente Zeus se ne innamorò perdutamente e cominciò a farle la corte, ma dopo numerosi tentativi comprese che Cynara non avrebbe mai ceduto alle sue lusinghe. Così Zeus, ritenendo inaccettabile che una ninfa rifiutasse il corteggiamento del re degli dei, in un moto d’ira decise di trasformarla in un vegetale che in qualche modo le somigliasse. Avrebbe dovuto essere verde e viola come i suoi occhi, spinoso e rigido all’esterno, come era stato il carattere di Cynara, e dentro un cuore tenero e dolce, come l’animo della ragazza. Pare che nacque così il carciofo e pare anche che Linneo, botanico svedese, decise nel ‘700 di chiamarlo proprio Cynara.

I carciofi presentano un contenuto di calorie estremamente basso, circa 22 kcal su 100 grammi di prodotto; ne esistono numerose varietà, al punto che se ne possono contare fino a 90 circa in tutto il mondo. Per godere delle loro qualità dietetiche è sempre consigliabile consumarli cotti al vapore, oppure crudi ad insalata, con succo di limone per evitarne la rapida ossidazione che avviene spontaneamente a contatto con l’aria e per bilanciare il naturale sapore amaro.
I carciofi sono ortaggi ricchi di fibre, in particolare, la presenza di inulina è determinante per prevenire la stitichezza ed inibire la proliferazione di batteri dannosi a livello intestinale. Essi diminuiscono l’assorbimento di colesterolo e modulano la glicemia, per questo motivo aiutano nella prevenzione di ictus ed infarto, e sono indicati nella dieta per i diabetici. Inoltre sono una fonte di sali minerali e vitamine, quelle del gruppo B sono fondamentali per il buon funzionamento del metabolismo cellulare, la vitamina C è utile per rinforzare la resistenza alle infezioni, la vitamina K è importante per la salute delle ossa.
Il carciofo è fondamentale anche per  il fegato, infatti la presenza di cinarina fa sì che questa verdura sostenga la funzionalità epatica, esplicando diverse funzioni:  stimola la secrezione della bile; detossifica l’organismo, in particolare nel caso di avvelenamento chimico e durante il processo di eliminazione dell’alcol; previene varie patologie come epatite, cirrosi ed ittero.
La presenza di diversi antiossidanti fanno sì che il carciofo sia prezioso nel combattere l’azione dei radicali liberi, proteggendo così l’organismo dall’invecchiamento cellulare e dall’insorgenza di tumori. Sempre grazie alla cinarina ma anche al ricco contenuto di acqua, i carciofi hanno proprietà diuretiche e depurative, possiamo godere dei benefici di questo ortaggio non solo mangiandolo, ma anche assumendo bevande naturali ricavate dalle sue foglie.
Le proprietà dei carciofi sono davvero prodigiose, essi contrastano anche la cellulite e l’acne, grazie alla capacità di combattere la formazione di impurità cutanee nelle pelli grasse. Tuttavia, nonostante le loro molteplici proprietà, esistono alcune controindicazioni, in particolare per chi soffre di calcoli biliari, e in allattamento, dato che influisce negativamente sulla secrezione lattea, riducendo la produzione di latte materno.

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *