Giorgio Pietrostefani non ha mai fatto parte delle Brigate rosse
Politica Estera

Giorgio Pietrostefani non ha mai fatto parte delle Brigate rosse

In merito all’arresto dei sette italiani in Francia la maggior parte delle testate giornalistiche italiane, per non parlare di quelle locali, hanno attuato un’ approssimativa generalizzazione giornalistica, in cui la descrizione superficiale della vicenda senza alcun approfondimento dettagliato, produce un vortice di inesattezze che determina un’informazione fuorviante e non eticamente corretta. Pubblichiamo questo breve articolo preso da “Professione Reporter”

Per la precisione. In tutta la complessa vicenda dell’arresto dei sette italiani in Francia, anche Giorgio Pietrostefani, condannato per l’omicidio del commissario Luigi Calabresi, è stato chiamato terrorista. Lo ha fatto, per esempio, Repubblica il 29 aprile in prima pagina, lo ha fatto il Tg1 del 29 sera. E’ andata oltre La Nazione, edizione di Pisa, con un ritratto di Pietrostefani a cura di Giuseppe Meucci, intitolato “Brigatista intransigente”. Titolista sbrigativo, nel pezzo questa espressione non si legge.

In realtà Pietrostefani non ha mai fatto parte delle Brigate Rosse, ma è stato un dirigente di Lotta Continua, formazione extraparlamentare di estrema sinistra. E assieme ad altri di Lotta Continua (Sofri, Bompressi, Marino) è stato ritenuto colpevole dell’uccisione di Calabresi, accusato dall’organizzazione di responsabilità per la morte dell’anarchico Pinelli nella questura di Milano, dopo la strage di piazza Fontana. Con sentenza definitiva, dopo sedici anni di iter giudiziario, Marino (teste d’accusa) e Bompressi sono stati condannati come esecutori, e Sofri e Pietrostefani come mandanti. La condanna escluse l’aggravante del terrorismo.

Fonte: https://www.professionereporter.eu/2021/04/pietrostefani-omicidio-calabresi-terrorista-e-brigatista-per-la-precisione-no/?fbclid=IwAR3z9L2OXIrMoQCCkRHFS67rbSuHfOrFwcZe9eehy35QHSqz1eAEeYwoeZE

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *