Cultura e Società

Coronavirus: più di 275mila casi nel mondo, 11,400 morti e 88.256 persone guarite

In Cina zero casi interni. Almeno 225 vittime in Usa. I casi di contagio da coronavirus nel mondo hanno superato la soglia delle 275.000 unità mentre il numero dei decessi sfiora quota 11.400: lo riporta l’ultimo bollettino diffuso dalla Johns Hopkins University, che vede il numero delle persone guarite a 88.256 unità. In particolare, i contagi sono 275.434 ed i morti 11.399.

CINA – Zero casi interni, 41 importati: Per il terzo giorno di fila, la Cina non ha avuto nuovi casi di coronavirus generati sul fronte interno, neanche a Wuhan, il focolaio della pandemia: nei dati aggiornati a venerdì, la Commissione sanitaria nazionale (Nhc) ha citato solo 41 infezioni importati dall’esterno. Sono 14 i casi a Pechino, 9 a Shanghai, 7 nel Guangdong e 4 nel Fujian; due ciascuno nelle province di Zhejiang, Shandong e Shaanxi; uno nello Sichuan. Il numero dei contagi di ritorno è salito a 269. I nuovi decessi sono 7, tutti nell’Hubei, per totali 3.255.

COREA DEL SUD – Tornano a salire i nuovi casi di coronavirus in Corea del Sud, a causa di alcuni piccoli focolai: secondo i dati forniti dal Korea Centers for Disease Control and Prevention (Kcdc) aggiornati a venerdì, le infezioni aggiuntive sono 147 dalle 87 di giovedì, portando il totale a 8.799. Con 8 nuovi morti, il bilancio dei decessi supera quota 100, fino a 102, a un mese dalla prima vittima causata dal Covid-19. Il focus della autorità sanitarie è sui nuovi focolai di infezione, come un call center a Seul e un ospedale di Daegu.

SINGAPORE – Il ministero della Sanità di Singapore ha annunciato oggi i primi due decessi provocati dal coronavirus nella città Stato asiatica: secondo quanto riporta il Guardian si tratta di una 75enne di Singapore e di un indonesiano 64enne. Finora i casi accertati di contagio sono 385.

COLOMBIA – Il presidente della Colombia, Ivan Duque, ha annunciato che da martedì prossimo e fino al 13 aprile verrà imposto nel Paese l’isolamento obbligatorio per far fronte alla pandemia del coronavirus. “Nell’ambito dello stato di emergenza imporremo l’isolamento preventivo obbligatorio per tutti i colombiani da martedì prossimo”, ha detto Duque in un discorso tv alla nazione. Circa la metà della popolazione già partecipa da ieri ad una sorta di prova generale di isolamento che durerà fino alla mezzanotte di lunedì.

USA – 225 morti e 17.500 casi – Sono almeno 225 i pazienti morti per coronavirus, mentre i casi positivi hanno superato i 17.500 mila: è l’ultimo aggiornamento della situazione negli Stati Uniti.

SPAGNA  – E’ salito a 21.828 il numero dei casi di coronavirus in Spagna, 1.848 più di ieri. Il dato, aggiornato a questa mattina, è riportato da El Pais online. I morti sono 1.117, oltre 100 più di ieri.

UCRAINA – Sono saliti a 41 i casi accertati di Covid-19 in Ucraina: lo riferisce il Servizio statale delle situazioni di emergenza, ripreso dall’agenzia Interfax. La regione col maggior numero di positività è quella di Chernivtsi, con 25 casi. I decessi legati al nuovo coronavirus nel Paese sono tre.

IRAN – L’Iran annuncia altri 123 morti per coronavirus, con un bilancio totale che sale a 1.556.(ANSA-AFP).

ARMENIA – In Armenia sono stati confermati altri 24 casi di Covid-19 portando a 160 il totale nella repubblica ex sovietica: lo riferiscono le autorità locali, riprese dall’agenzia Interfax.(ANSA).

CROAZIA – In Croazia rispetto a ieri sera sono risultate positive al coronavirus altre 40 persone, con il totale salito a 168. Lo ha riferito l’Unità di crisi del ministero della Sanità alla conferenza stampa giornaliera. La situazione epidemiologica viene definita “sotto controllo”, ma la forte crescita dei casi nelle ultime ore inizia a destare preoccupazione e indica che anche in Croazia la trasmissione dell’infezione avviene localmente e non è più conseguenza di casi importati dall’Italia o dall’Austria. Il ministro degli Interni, Davor Bozinovic, ha imposto da oggi la soppressione totale del traffico interurbano dei pullman e quello ferroviario e la chiusura delle stazioni degli

GUATEMALA – Il presidente del Guatemala, Alejandro Giammattei, ha annunciato la chiusura parziale delle attività industriali del Paese per far fronte all’emergenza coronavirus. “Abbiamo concordato con la Camera dell’Industria un arresto volontario delle attività industriali non essenziali nel Paese per un periodo di otto giorni”, ha detto Giammattei in un messaggio alla nazione. La misura entrerà in vigore lunedì, ma non riguarderà i settori alimentare, farmaceutico e “tutti quelli relativi alla fabbricazione di prodotti per l’igiene e la sanità”. Il presidente ha inoltre precisato che i supermercati, le stazioni di servizio, le banche ed altre attività commerciali essenziali resteranno aperte.

Fonte: ANSA

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *