Politica Nazionale

Chi c’è dietro le molotov e le bombe carta?

Di Paolo Brogi

Chi è che lancia le molotov e fa scoppiare bombe carta nel corso delle proteste contro le misure del governo?

Utilizzando i raduni degli esercenti la galassia rivoltosa che mette insieme formazioni esplicite di estrema destra e ultrà fascisti delle curve sta attaccando in varie città del paese.

Segnalati a Roma, dove sono stati eseguiti quattro arresti, a Milano dove sono state lanciate molotov, sassi e petardi e dove si sono viste catene in mano ai manifestanti, a Catania dove sono esplose due bombe carta, a Verona dove si sono mobilitati in piazza delle Erbe, a Torino dove gli scontri hanno prodotto dieci fermati tra i quali ci sono molti ultrà di Juve e Torino, e dove sono state distrutte le vetrine di alcuni negozi,  a Trieste al termine di un raduno dove petardi sono stati lanciati contro la Prefettura colpendo carabinieri e giornalisti, a Viareggio dove hanno formato blocchi sul lungomare, a Ostia dove la protesta era guidata da rappresentanti di estrema destra,

a Salerno dove alla fine del corteo hanno cercato di raggiungere la casa del governatore De Luca. A Rimini invece nottetempo “ignoti” hanno attaccato e vandalizzato settanta auto di medici e infermieri dell’ospedale.

Tutto questo sta accompagnando la protesta che ha investito molte città italiane e che è servita a costoro per premere sull’acceleratore puntando esplicitamente a forme di guerriglia urbana.

Sarebbe bene che gli inquirenti cercassero di appurare se dietro tutto ciò siano stati stretti patti eversivi.

 

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *