PoliticaPolitica Locale

“Canaparlando” il futuro della Calabria

La canapa e lo sviluppo della Regione. Mauro D’Acri: “Un’opportunità occupazionale e imprenditoriale per molti giovani calabresi”

CORIGLIANO CALABRO – Non solo erba a scopo terapeutico, ma un prodotto duttile che può essere utilizzato in svariati ambiti: da alimento a materiale tessile, da materiale per l’edilizia al biocombustibile. È stato questo lo scopo di “Canaparlando”, il convegno organizzato lo scorso 7 novembre a Corigliano Calabro, presso la casa dei giovani della sezione regionale calabrese dell’Anga, l’associazione dei giovani agricoltori di Confagricoltura. Tra i relatori sono intervenuti: Adriano Tancredi, presidente di Anga Calabria, Mauro D’Acri, consigliere regionale con delega all’agricoltura, Giampaolo Grassi, direttore del centro di ricerca Crea Rovigo, e Alessia Ligresti, membro del Cnr di Napoli.

L’occasione concessa da Anga Calabria ha rappresentato un momento di riflessione e di conoscenza di una nuova filiera che, negli ultimi anni, sta vedendo crescere la sua importanza a livello locale e nazionale, grazie alla liberalizzazione della commercializzazione e della coltivazione della canapa approvata con la legge 242 del 2016. Conoscere i molteplici utilizzi della canapa legale (che si differenzia dalla cannabis per un valore inferiore allo 0,2% della molecola di Thc) rappresenta una nuova opportunità di business per imprenditori agricoli vecchi e nuovi. A seconda della varietà, infatti, la canapa può essere utilizzata a scopo terapeutico, per la produzione di prodotti alimentare come olio o pasta, per l’abbigliamento e l’edilizia grazie alla particolare resistenza delle sue fibre.

Mauro D’Acri, consigliere regionale con delega all’Agricoltura

Soddisfazione che trapela anche dalle parole del Consigliere regionale con delega all’agricoltura, Mauro D’Acri: «La coltivazione della canapa legale rappresenta una delle tante possibilità di innovazione per l’agricoltura calabrese in un settore in forte espansione e che attira numerosi giovani verso l’attività agricola imprenditoriale. La Regione Calabria, in quest’ottica, ha cercato di incentivare l’innovazione e la biodiversità attraverso diverse misure contenute nel Piano di Sviluppo Rurale (Psr 2014/2020) e misure ad hoc per permettere ai giovani di avviare la propria attività, come quella che permette di poter usufruire gratuitamente dei terreni demaniali di proprietà dei comuni, con lo scopo di avviare un’impresa agricola».

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

More in:Politica

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *