Cultura e Società

Autismo: La chiave di lettura di un mondo immaginario

Autismo, comunicazione e immaginazione

L’autismo è un disturbo del neurosviluppo che comprende tre aree: linguaggio e comunicazione, Interazione sociale e interessi ristretti. Ad oggi le cause dell’autismo(dal greco autos-solo) sono sconosciute, alcuni affermano che possa essere una condizione neurobiologica acquisita che ne altera il contatto con la realtà e ne ostacola l’adattamento psico-ambientale.

Al terzo anno di vita può esser già evidente la sintomatologia di questo disturbo che spesso è accompagnata da: epilessia, depressione, ritardo mentale, ansia e agitazione; le persone colpite hanno difficoltà nell’ordinare i meccanismi di socializzazione, spesso non parlano, e i bambini sono ancor meno inclini a fare richieste o condividere i loro pensieri e stati d’animo, che per loro stessi risulta talvolta complicato ordinare. Nella stragrande maggioranza si tende ad un deficit comune che è quello dell’attenzione, ma in alcuni casi si mostra spiccata capacità di memorizzazione risultando “dotati” rispetto i soggetti non sintomatologici. Molti pregiudizi accompagnano questa patologia, come quello di ritenere i soggetti colpiti privi di capacità cognitorie ed emotive, quando invece, prova contraria, questi soggetti sono spesso vittime esistenziali di ansie e paure frutto forse di una visione più ampia della “nostra” realtà. Bisogna immergersi e interagire nel mondo interiore per poter migliorare il loro approccio al mondo che li circonda.

Non esiste inaccessibilità alla comunicazione; esistono soggetti ipersensoriali che riescono gestire la loro capacità neurologica più di altri risultando superiori nello sviluppo cognitivo rispetto i “normodotati”.

I bambini possono legare più facilmente con gli adulti che li accompagnano alla crescita e che penetrano nel loro mondo con empatia da captarne il pieno potenziale. Purtroppo non esiste un unico intervento che vada bene per tutti i soggetti sintomatologici; ma di sicuro ogni intervento deve mirare all’inclusione sociale incoraggiando la comunicazione e il loro benessere emotivo.

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *