Attiva Rende: “Corte, Conti e festeggiamenti"
PoliticaPolitica Locale

Attiva Rende: “Corte, Conti e festeggiamenti”

L’associazione Attiva Rende, fa il punto sulla situazione finanziaria del Comune all’indomani del pronunciamento della Corte dei Conti

All’indomani del pronunciamento della Corte dei Conti sono state fatte una serie di dichiarazioni trionfalistiche da parte del Sindaco Manna e di alcuni dei suoi sodali. Non sono mancate le critiche alle opposizioni colpevoli di aver criticato la gestione dei conti negli anni passati.

Rispetto a tutto ciò, è necessario fare chiarezza. La Corte dei Conti non è una Magistratura che assegna premi o attribuisce meriti politici. Per sua natura controlla i conti e quando questi non sono in ordine commina delle sanzioni. In particolare la Corte interviene laddove si accerta che l’andamento della gestione contabile non è in regola con leggi in materia.

Così è avvenuto per il bilancio del Comune di Rende. A un certo punto dell’esercizio finanziario la Corte è intervenuta e ha registrato “anomalie e criticità” rispetto al piano di rientro dalla stessa Amministrazione Comunale, presentato qualche anno fa. Rispetto a ciò è intervenuta affermando: se non rettificate la gestione dichiariamo il dissesto. Punto. In conseguenza di ciò, il Consiglio Comunale ha ripresentato alla Corte delle controdeduzioni contenenti anche misure rigorose e stringenti per i cittadini mirate a ridurre le spese; ad aumentare la riscossione dei tributi; a sanare i residui; a ridurre i debiti fuori bilancio e soprattutto a contabilizzare correttamente il fondo di rotazione, cioè il “prestito” che lo Stato ha concesso al Comune nel momento in cui lo stesso ha avuto accesso al predissesto.

La Corte dei Conti ieri l’altro ha preso per buono l’impegno del Comune ed ha ritenuto plausibile che le previsioni rappresentate possano evitare situazioni di particolare squilibrio economico – finanziario dell’Ente . Questo e non altro è emerso dalla deliberazione della Corte dei Conti. Si è evitato, per fortuna di tutti, il dissesto, ma rimaniamo in una situazione di predissesto, nonostante in passato il sindaco Manna ne avesse annunciato più volte la fuoriuscita. Come Associazione che composta da cittadini che vivono e lavorano a Rende sappiamo che rimane una situazione di difficoltà finanziaria, la quale dovrebbe indurre tutti ad una gestione oculata e responsabile. Per poter sanare una criticità occorre conoscerla, e chiamarla col proprio nome. Un città che da più anni continua a permanere in uno stato di predissesto, non può essere definita una città virtuosa nei propri bilanci, come certa falsa propaganda ha cercato di fare.

Il primo passo per raggiungere la virtù è quello di essere chiari.

Massimo Ladeda

 

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

More in:Politica

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *