1 min di lettura

Questa è la domanda che si chiedono molte persone appassionate al mondo del calcio e non solo, che hanno seguito o visto il Giro d’Italia; una domanda che non ha risposte, visto le tante incoerenze e contraddizioni che si presentano quotidianamente.

Ieri, la nostra Sila ha ospitato un tratto del percorso del Giro d’Italia, che ha visto a seguito numerose persone, stimolate anche dall’unicità dell’evento, persone che purtroppo, da quel che si nota da video e foto, non rispettano il distanziamento sociale.

Ora i tifosi e gli amanti del calcio si chiedono, perché noi no e loro sì?

Sappiamo che non è facile controllare i comportamenti della gente, se non si ha senso di responsabilità e senso civico, a maggior ragione se l’affluenza è maggiore, però sarebbe ora che si trovasse un giusto equilibrio e giuste misure senza distinzione tra manifestazione della stessa categoria.

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi un commento!
Per favore inserisci qua il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.