2 min di lettura

Un clima surreale si “respira”nei due più grossi comuni dell’area urbana cosentina.

Mentre tutta Italia è ancora chiusa in casa, la Regione Calabria con un’ordinanza fulminea e istantanea del 29 aprile,  dispone una riapertura parziale di bar e ristoranti che è in netto contrasto con le disposizioni del Governo Conte.

Per fortuna quasi tutti i sindaci calabresi, soprattutto dei comuni più grandi, Reggio Calabria, Catanzaro, Lamezia, Corigliano-Rossano, decidono di non seguire la Presidente Santelli nella scontro a muso duro con il Governo, continuando a far rispettare le norme del DPCM di Conte.

Unica eccezione i Comuni di Rende e di Cosenza, infatti i sindaci Marcello Manna e Mario Occhiuto, da fidi seguaci della Santelli e a pieno titolo membri di diritto dell’harem del Presidente, si accodano alla spericolata decisione della Regione Calabria, disponendo la riapertura di bar, ristoranti e mercato all’aperto.

Risultato: in migliaia oggi erano per strada

Numerose persone in giro in questi giorni per le due Città, nonostante un’emergenza sanitaria non del tutto superata, molte delle quali senza protezioni (guanti e mascherine) e senza rispettare quel famoso distanziamento sociale fondamentale per evitare il contagio.

È dell’ultim’ora l’allarme lanciato dal Dott. Gianluca Filice, cardiologo dell’Annunziata, il quale chiede di rispettare “almeno” le norme di distanziamento sociale e di indossare anche ai tavolini dei bar guanti e mascherine.

Inoltre da domani è previsto il rientro di almeno 7.000 persone, tra studenti e lavoratori, provenienti dalle Regioni del Nord Italia, rimaste bloccate lì per quasi due mesi a causa del lockdown.

Sarebbe davvero un peccato vanificare gli sforzi e i sacrifici, compiuti in questo periodo, per un mero calcolo politico, un diktat proveniente da Roma, che vede la Calabria come testa d’ariete dell’asse sovranista guidato da Salvini e Meloni

Nel frattempo, sempre domani, è previsto il ricorso al Tar da parte del Governo sull’ordinanza regionale della Santelli….

LASCIA UN COMMENTO

Scrivi un commento!
Per favore inserisci qua il tuo nome

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.