Politica Locale

Next Stop Rende 2030, l’evento di Innova per immaginare il futuro della città

Una tre giorni per immaginare il futuro di Rende e coinvolgere le forze migliori della società civile rendese nel processo di ripartenza.

Sarà questo lo spirito di Next Stop Rende 2030 – Dalla Resilienza alla Rigenerazione, l’evento promosso dall’associazione politico-culturale Innova Rende e grazie allo spazio reso disponibile da La Terra di Piero. L’evento si svolgerà dal 28 giugno al primo luglio all’interno del Parco Robinson (precisamente nell’Antiteatro Tommaso Sorrentino) di Rende.

La manifestazione sarà articolata in tre tavole rotonde, una al giorno, nel corso delle quali verranno trattati, approfonditi e discussi i temi del Next Generation EU e del PNRR in chiave ambientale, comunitaria e di sviluppo territoriale.

Ci aspettano, dunque, tre giorni intensi e costruttivi per iniziare a ragionare sulla Rende post pandemia e sulle opportunità offerte dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza alla città di Campagnano.

Dopo il webinar “Il Commercio non si arRende”, nel corso del quale si sono gettate le basi della ripartenza degli esercizi commerciali del territorio, Innova Rende ha deciso di dare ancora una volta spazio alla società civile per progettare in maniera concreta e ragionata la Rende del 2030. Ci saranno, infatti, imprenditori, ricercatori ed esponenti del mondo accademico, associazioni, enti del terzo settore, rappresentanti delle società sportive locali, professionisti e semplici cittadini che vivono in maniera attiva la comunità rendese. E ovviamente i tavoli e il dibattito sono aperti a tutti coloro vorranno partecipare o semplicemente assistere per condividere, migliorare e sviluppare idee e sinergie.

Saranno tre gli snodi tematici dell’evento: Ambiente e vivibilità dei territorio, Welfare e Inclusione sociale, Innovazione e Sviluppo urbano. Tre asset fondamentali per il rilancio di una città, Rende, che è sempre a stata all’avanguardia quando si è trattato di proporre nuovi modelli di sviluppo e che anche oggi dovrà essere una guida per tutto il comprensorio.

Il mondo post pandemia presenterà sfide estremamente difficili per il nostro territorio: la crescita delle diseguaglianze e del numero di persone in stato di povertà assoluta, la crisi di legittimità delle istituzioni democratiche, il rischio di implosione per tanti settori economici e le questioni attinenti al cambiamento climatico.

Problemi che impongono alla politica scelte coraggiose, da condividere a pieno insieme alla società civile.

Ci aspetta, quindi, un futuro incerto ma allo stesso tempo stimolante per provare a costruire una nuova idea di città. Una Rende più digitale, vivibile, inclusiva.

Next Stop Rende 2030 è il primo passo di questo cammino futuro.

What's your reaction?

Excited
0
Happy
0
In Love
0
Not Sure
0
Silly
0

You may also like

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *